Fiori di frolla ai semi di lino con cioccolato e lamponi

seguimi su instagram

Di qualche vorrei…

Di giardini d’estate e tulipani rossi tra i tanti che quest’anno ho avuto l’onore di vedere.

Di fotografie, spostate dal vento e briciole di frolla sul tavolo.


(Sonia)

Ci sono delle idee che nascono bene fin dall’inizio… Hanno un incredibile forza di volontà, nonostante numeri, vento contro o bufere e spesso la poca soddisfazione… Hanno quella caparbietà che a volte hanno i sogni, quelli persistenti che continuano a riaffiorare nella testa e nel cuore, forse perché, oltre alla paura di sbagliare o di poter fare meglio, semplicemente esistono senza troppe pretese. E poi viene fuori bene, voglio dire!
Le idee, come i sogni… non sai mai esattamente dove risiedono, l’importante è che ci siano. E io li coltivo insomma, con cura e passione e un pochino di pazienza.

Un pò è stato così con queste tortine. Sarà che avevo i tulipani rossi, sarà che la frolla è venuta troppissimo buona, sarà che mi sono assorbita così tanto nel preparare e realizzare le fotografie che sento addosso ancora il senso di pace che ho provato.

Insomma… tipo quando ti piace quello che fai, ecco…
Avete presente quella sensazione?

 

INGREDIENTI

Per la frolla:
120 gr farina di avena
70 gr farina di farro
40 gr farina di lino
50 ml di olio di semi
25 gr di Truvia o altro dolcificante
2 gr di bicarbonato
4 gr di cremor tartaro
100 ml di acqua fredda
1 bustina di aroma naturale Fior d’arancio
Per il ripieno:
345 gr di Skyr bianco
2 cucchiai di sciroppo d’acero, 20 gr
25 gr di proteine il polvere al gusto cioccolato
10 gr di cacao amaro extra fondente
2 gr di agar agar
100 ml di acqua

PROCEDIMENTO

Sciogliere la Truvia in una ciotola con l’acqua fredda e aggiungere l’olio.
Unire gli ingredienti secchi quindi le farine, il cremor tartaro e il bicarbonato, tutto precedentemente pesato e setacciato. Mescolare bene e impastare poi con le mani, formare una palla e lasciarla in frigo per un’oretta.

Trascorso il tempo, riprendere la pasta e stendere sul piano di lavoro con un matterello.
Con l’aiuto di uno strumentino carino trovato in un negozio, ricavare dei fiori, poi intagliare e adagiarli sugli stampi da muffins, spingendoli giù con l’apposito aggeggino in modo da far prendere la forma, ottenendo così tanti cestini da cuocere vuoti per circa 20 minuti a 180 gradi.

Lasciare raffreddare e occuparsi del ripieno.

Versare nel recipiente del mixer una confezione intera di Skyr bianco, unire lo sciroppo d’acero, le proteine in polvere e il cacao amaro extra fondente e mixare (se non ne fate uso, potete sostituire le proteine con del cacao amaro aumentando leggermente lo sciroppo d’acero oppure mettendo dello zucchero grezzo perché le proteine sono comunque un pò dolci).
In un pentolino versare l’acqua e sciogliervi l’Agar Agar, mescolando fino a portare a ebollizione.
Continuare a mescolare fuori dal fuoco per qualche minuto in modo che non sia più bollente ma non si rapprenda troppo, poi unirlo nel mixer allo Skyr e azionare velocemente fino a ottenere un composto omogeneo.
Con un cucchiaio riempire ogni tortina e riporre in frigo ad addensare.

Una volta pronte, decorare le tortine con lamponi freschi, foglioline di menta, chicche di cacao crudo e granella di mandorle. Un goccino di sciroppo d’acero per dare ancora quel tocco di classe in più e sono perfette per essere gustate!

Spero di riuscire a trasmettervi un pò di bontà!
Ho testato questi cestini su un pò di gente qui e anche sui miei genitori, che voglio dire… sono molto tradizionali, ma hanno apprezzato e ringraziato con entusiasmo e con uno spontaneo… “erano buonissime ciò!”

Provate e fatemi sapere, mi raccomando.

Un caro saluto e alla prossima ricetta insolita, ne ho un bel pò in cantiere 🙂

Stay tuned!

Sonia

0 0 vote
Article Rating

Ricetta momentaneamente non disponibile.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
contattami ora