Crackers con farina di canapa, semi papavero e riso soffiato

seguimi su instagram

Mi frullavano in testa già da un pò…

Poi mi accorgo che in dispensa ho giusto un sacchetto di riso soffiato, nascosto dietro ad altre cose.
Allora ho detto, li faccio!

La formula è quella dei miei grissini con esubero di lievito madre, per quando avanza del licoli questa è la maniera più facile e rapida per smaltirlo, ma questa volta sono diventati crackers saporitissimi grazie al riso soffiato, a tanti allegri semini neri e al gusto particolare della farina di canapa. L’avete mai usata in cucina?

Ricca di nutrienti benefici per l’organismo e particolarmente utile per rafforzare il sistema immunitario, questa farina si ottiene dalla macinatura dei semi della pianta Cannabis Sativa, è ricca anche di omega 3 e omega 6, acidi grassi con proprietà antiossidanti di cui dovremmo fare tesoro, e aiuta inoltre a prevenire disturbi cardio vascolari. Insomma, a parte il nome che può ovviamente trarci in inganno e magari farci sorridere pensando ad altri utilizzi della canapa 🤪 possiamo invece affermare che è un alimento estremamente interessante.
Questi crackers si fanno in giornata, necessitano solo di un’oretta di riposo, si cuociono velocissimi e hanno un gusto davvero speciale. Provare per credere!

INGREDIENTI

150 gr esubero di licoli
100 gr farina tipo 1 (Futura Verde)
35 gr farina di canapa Farine Ruggeri
50 gr riso soffiato
50 gr acqua
15 gr olio evo
10 gr semi di papavero
6 gr sale rosa

PROCEDIMENTO

In una ciotola sciogliere il licoli nell’acqua, aggiungere l’olio e unire le farine setacciate.

Mescolare con un cucchiaio unendo anche il riso soffiato e i semi di papavero, per ultimo il sale.

Una volta amalgamato aiutarsi con le mani impastando sul tavolo in modo che il riso e i semi siano ben distribuiti; formare una palla e lasciare riposare coperto per un’ora.

Procedere stendendo l’impasto con un mattarello, intagliare con le formine desiderate (ma non troppo lavorate sennò sarà complicato intagliare il riso soffiato) e disporre nella placca rivestita di carta forno.
Bucherellare con i rebbi di una forchetta e preriscaldare il forno.

Cottura

Cuocere in forno caldo a 220 gradi con funzione tradizionale per 13 minuti, regolandosi chiaramente in base al proprio forno ma non cuoceteli troppo.

Hanno un gusto rustico e ricco di sapori, anche i semini di papavero rendono l’impasto prezioso e si sgranocchiano che è un piacere.
Meglio conservarli in sacchetti di carta e in contenitori ermetici perché nei giorni seguenti tendono a diventare un pò molli, ma con queste dosi vi garantisco che andranno a ruba in giornata 😉

Lo snack salato insomma è pronto, preparate la tavola?
Che ci spalmiamo su qualcosa di buono!

Un caro saluto amici e alle prossime gustose ricette 😘

Sonia

0 0 vote
Article Rating
Stampa

Portate: 1
Preparazione: da fare in giornata
Cottura: 30 minuti circa
Difficoltà: grado di difficoltàgrado di difficoltàgrado di difficoltàgrado di difficoltàgrado di difficoltà

Ingredienti:

  • 150 gr esubero di licoli
  • 100 gr farina tipo 1 (Futura Verde)
  • 35 gr farina di canapa Farine Ruggeri
  • 50 gr riso soffiato
  • 50 gr acqua
  • 15 gr olio evo
  • 10 gr semi di papavero
  • 6 gr sale rosa

Procedimento:

In una ciotola sciogliere il licoli nell’acqua, aggiungere l’olio e unire le farine setacciate.

Mescolare con un cucchiaio unendo anche il riso soffiato e i semi di papavero, per ultimo il sale.

Una volta amalgamato aiutarsi con le mani impastando sul tavolo in modo che il riso e i semi siano ben distribuiti; formare una palla e lasciare riposare coperto per un’ora.

Procedere stendendo l’impasto con un mattarello, intagliare con le formine desiderate e disporre nella placca rivestita di carta forno.
Bucherellare con i rebbi di una forchetta e preriscaldare il forno.

Cottura

Cuocere in forno caldo a 220 gradi con funzione tradizionale per 13 minuti, regolandosi chiaramente in base al proprio forno ma non cuoceteli troppo.

Consigli utili:

Hanno un gusto rustico e ricco di sapori, anche i semini di papavero rendono l'impasto prezioso e si sgranocchiano che è un piacere.
Meglio conservarli in sacchetti di carta e in contenitori ermetici perché nei giorni seguenti tendono a diventare un pò molli, ma con queste dosi vi garantisco che andranno a ruba in giornata 😉

Lo snack salato insomma è pronto, preparate la tavola?
Che ci spalmiamo su qualcosa di buono!
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
contattami ora